EMDR Ferrara | Come aiutare i bambini ad affrontare il lutto
6304
post-template-default,single,single-post,postid-6304,single-format-standard,mkd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
 

Come aiutare i bambini ad affrontare il lutto

La perdita di un genitore o di una persona di riferimento rappresenta per ogni bambino una minaccia alla propria sicurezza: il suo mondo cambia, non si sente più sicuro e prova emozioni contrastanti che possono farlo sentire confuso e disorientato.
Chi gli sta vicino ha il compito, non facile, di rispondere emotivamente, psicologicamente, e razionalmente ai bisogni di comprensione che il bambino esprime davanti alla scomparsa di un caro. Come comportarsi?
Innanzitutto è necessario tenere conto della sua età, e quindi della sua capacità di far fronte a questo concetto: i bambini hanno un pensiero concreto, per questo hanno bisogno di parole semplici e chiare. Sarebbe meglio evitare l’uso di espressioni come “abbiamo perduto” oppure “è partito per un lungo viaggio” che potrebbero creare confusione e fraintendimenti. Anche se è comprensibile il desiderio di evitargli la sofferenza, non esiste un modo per rendere la notizia meno dolorosa. La morte è un evento che rompe la quotidianità e cambia la vita di chi resta.
I bambini possono elaborare la perdita se messi nella condizione di comprendere i sentimenti di tristezza, dolore e rabbia che anche mamma e papà provano quando una persona cara scompare, perché del tutto normali. Quest’ultimo punto è fondamentale per accompagnare il bambino nel processo di elaborazione: spesso i familiari cercano di nascondere i propri sentimenti o non ne parlano, nel tentativo di “proteggere” i bambini dalla durezza della realtà della morte. In realtà per i piccoli è molto importante avere la possibilità di condividere i propri sentimenti, poterne parlare con gli adulti per affrontare la rabbia e i sensi di colpa e fare domande.
Quello che gli adulti possono e devono fare è rimanere accanto al bambino nella sofferenza, concedergli di fare domande e di esprimere le proprie emozioni, anche quando manifesta comportamenti difficili da gestire. Nel limite del possibile mantenere le regole e la routine familiare per la cena, i compiti, la nanna aiuta il bambino a ristabilire un senso di stabilità e costanza.

Ogni genitore troverà il suo modo per far fronte alla perdita, con la consapevolezza di essere la più importante risorsa su cui il bambino possa contare.

Stargli accanto, ascoltarlo, accoglierlo gli farò sentire che il mondo è un posto ancora sicuro, nonostante il cambiamento che la perdita porta con sè, perché c’è qualcuno capace di prendersi cura di lui e di amarlo.

 

No Comments

Post a Comment