EMDR Ferrara | ALLA RICERCA DELLA FELICITA’: LE 6 RISORSE SU CUI INVESTIRE
6456
post-template-default,single,single-post,postid-6456,single-format-standard,mkd-core-1.0.3,ajax_fade,page_not_loaded,,onyx-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
 

ALLA RICERCA DELLA FELICITA’: LE 6 RISORSE SU CUI INVESTIRE

Quante volte ci siamo sentiti dire: “dovresti cambiare”, “questa cosa di te non mi piace proprio”, “non sei/fai abbastanza” ? E quante volte, sentendo queste frasi, ci siamo sentiti etichettati, svalutati, inappropriati, impotenti e delusi, pensando di non poter cambiare le cose?
In un mondo che punta spesso il dito contro i nostri difetti, limiti e problemi e che ci fa sentire sempre “sbagliati”, prendere consapevolezza delle nostre risorse e dei nostri punti di forza può essere davvero utile per sperimentare un maggior livello di benessere.
Quali sono le principali risorse sulle quali dovremmo investire per cambiare positivamente la nostra vita?

1. Ottimismo: diversi studi hanno dimostrato quanto le persone che hanno la tendenza ad aspettarsi qualcosa di piacevole per la propria vita, che li possa rendere felici e portare loro vantaggi, sperimentino inferiori livelli di ansia, stress e depressione, ed abbiano relazioni più soddisfacenti. Le persone ottimiste sono molto determinate, perché hanno ben chiari gli obiettivi che vogliono raggiungere; anche quando incontrano delle difficoltà, non si arrendono facilmente e ridefiniscono i propri obiettivi senza scoraggiarsi.

2. Speranza: le persone speranzose, che confidano nella possibilità di raggiungere i risultati che si prefiggono, non si lasciano spaventare dagli ostacoli che incontrano, al contrario li considerano come sfide da superare pianificando strategie adattive. Le persone speranzose sono più felici, infatti sperimentano alti livelli di benessere, autostima e supporto sociale, sono più ottimiste, e maggiormente motivate e determinate ad affrontare il proprio futuro.

3. Resilienza: si può definire come la capacità di far fronte in modo positivo ad eventi e situazioni di vita complessi, riorganizzando positivamente la propria vita anche in seguito a traumi di diverso tipo. Le persone resilienti possiedono alti livelli di autostima, emozioni positive, supporto sociale, umorismo e riflessività. Anche in ambito professionale essere resilienti può essere d’aiuto: infatti, le persone resilienti riescono a sperimentare benessere e a non essere travolte dallo stress, nonostante le svariate difficoltà che possono incontrare sul posto di lavoro.

4. Prospettiva temporale: le persone con una buona prospettiva temporale riescono a dare continuità alla dimensione passato-presente-futuro: hanno la capacità di attingere alle proprie esperienze passate, tenendo in considerazione sia i limiti, sia i punti di forza personali, per progettare obiettivi il più possibile realistici e dettagliati da perseguire per il futuro. Le ricerche hanno evidenziato quanto queste persone sperimentino alti livelli di speranza ed autostima e godano di buona salute fisica e psicologica.

5. Adattabilità: negli ultimi anni il mondo del lavoro sta subendo un cambiamento repentino; le persone adattabili riescono con maggiore facilità ad adattarsi alle circostanze ed alle richieste impreviste che attualmente si incontrano in questo contesto, a gestire positivamente i cambiamenti di ruolo e ad utilizzare strategie efficaci per affrontare il proprio lavoro, grazie a flessibilità, perseveranza, creatività e capacità di reinventarsi. Alti livelli di adattabilità, consentono di gestire positivamente lo stress e l’insicurezza lavorativi; inoltre, le persone adattabili sono in grado di tollerare maggiormente i periodi di disoccupazione mantenendo determinazione nella ricerca del lavoro.

6. Relazioni interpersonali:  instaurare e mantenere nel tempo relazioni costruttive e positive, influisce sul benessere psicologico e sociale. Questa risorsa permette di rapportarsi ed interagire in maniera positiva con gli altri, sia a livello verbale che a livello non verbale. Fa riferimento inoltre all’abilità di manifestare nella maniera più consona convinzioni e desideri, bisogni ed emozioni: dall’ascolto attento e attivo degli altri per poterli comprendere alla capacità di chiedere aiuto e consigli, qualora se ne senta l’esigenza. Le persone che hanno sviluppato questa skill, riescono anche ad interrompere relazioni disfunzionali in modo appropriato.

Prendendo consapevolezza delle nostre risorse, possiamo capire sotto quali aspetti “funzioniamo” di più, quali sono i punti di forza sui quali possiamo contare, e quali sono quelle abilità che, se sviluppiamo, possono aiutarci quotidianamente nella ricerca del benessere e della felicità…. Partendo proprio da noi stessi!!

No Comments

Post a Comment